Dom. Set 25th, 2022

Si aprono le porte per un autunno caldo. Il caro bollette, i prezzi che volano sempre più su, fanno sì che lo scenario futuro non può essere del tutto roseo. Il nero è quello che si intravede all’orizzonte. Ci lasciamo alle spalle un’estate più serena rispetto a prima della pandemia, ma il caro energia ora si fa sempre più acuto e potrebbe spazzare via i benefici di questa estate.

“Il rischio è di centinaia di migliaia di posti di lavoro che si possono perdere nel commercio, nei servizi, nel turismo, nella manifattura. Ci sono proiezioni che indicano quasi un milione di posti di lavoro. Un lusso che non ci possiamo permettere”. Lo ha sostenuto Luigi Sbarra, segretario generale della Cisl a margine dell’incontro “Lavoro, occupazione, dignità” nell’ambito del Cortile di Francesco, ad Assisi. “Le parole chiave – ha precisato – sono lavoro, investimenti, taglio delle tasse, accordo sulle pensioni, nuove tutele e rilancio delle competenze, politica dei redditi e coesione sociale, attuazione Pnrr e Mezzogiorno, contrattazione e partecipazione. Il lavoro non si crea per decreto, ma rilanciando e qualificando investimenti pubblici e privati, politiche industriali, infrastrutture materiali e digitali, stabilizzazioni e assunzioni nel pubblico impiego, nella sanità, scuola, ricerca, università”.