Ven. Feb 3rd, 2023

ROMA- L’Italia è un paese straordinario, ma è molto sfortunato: ha una classe dirigente la peggiore del mondo. Un paese come il nostro oggi dovrebbe essere la perla dell’umanità. Purtroppo “beceri” personaggi politici che fanno parte del cancro italiano, i partiti, hanno messo in condizione il popolo di ritrovarsi in una situazione di grave arretramento e rischia di trascinarlo verso la fine.

Siamo un paese ad alto rischio sismico eppure nessuno è riuscito a mettere in sicurezza perlomeno le aree più esposte a terremoti devastanti. Nulla è stato fatto, o perlomeno si è tentato di fare, ma la corruzione politico-mafiosa ha mangiato i soldi stanziati per farlo.

Per fortuna che ci sono dei grandi eroi, gli unici in termini assoluto, che ad un certo punto sono chiamati a mettere in palio la loro vita per salvare quella degli altri. Vorrei vedere uno dei politici che fa passerella nei luoghi colpiti dai terremoti scavare con le mani o recarsi sotto le macerie per estrarre un corpo. Sanno solo balbettare, ma alla fine gli unici che lo fanno sono coloro che percepiscono uno stipendio da fame e lo stato taglia anche risorse a loro favore. Ma per loro, i politici, gli stipendi sono altissimi, e non si è mai capito perché: non rischiano nulla.

Siamo un paese pieno di risorse, che ogni volta dimostra al mondo intero l’umanità, il coraggio, la solidarietà e la forza di reagire nonostante ha una macchina politica scassata.

I vigili del fuoco ancora una volta hanno dimostrato di essere gli unici eroi di questo paese, sempre pronti ad intervenire per aiutare ad uscire vivi chi è intrappolato sotto le macerie. A loro devono andare i 15mila euro destinati ai politici, e ai politici le 1500 euro destinate ai pompieri. Loro hanno il coraggio di offrire la proprio vita per salvare quella degli altri, i politici occupano solo le poltrone dorate dei palazzi del potere: non rischiano nulla.