Ven. Ago 19th, 2022

 

Essere talentuosi, nutrire la propria passione, rinunciare ai divertimenti per sentirsi semplicemente se stessi,  appagati,  trascorrendo ore ed ore con la propria compagna di sempre: la chitarra.

Tutto questo non può essere pensato e vissuto come sacrificio.

Lo sa bene Alessandro Giordano che a soli quasi 15 ha scalato l’altissima vetta dell’ammissione al più antico e prestigioso conservatorio del mondo, il Conservatorio “San Pietro a Majella” di Napoli.

Primo con il massimo dei voti, Alessandro si è confrontato con musicisti più grandi di lui, con più anni di studio e più esperienza. Ecco perché si può definire un talento.

E ad un talento non pesa il sacrificio.

Lo aspettano  anni duri perché dovrà frequentare contemporaneamente liceo ed università, ma siamo certi che, come sempre, saprà governare ogni impegno con responsabilità e al massimo delle sue capacità.

Alessandro è stato sostenuto, plasmato e arricchito nelle competenze dal Maestro Christian Saggese che, con scienza ed amore paterno, ha saputo dare fuoco alle sue passioni.

Come tanti altri talenti musicisti Alessandro ha frequentato la Scuola Secondaria di Primo Grado ad Indirizzo Musicale  “Massimo Stanzione” di Orta di Atella. Un’istituzione scolastica statale, che avvia anche allo studio della musica, che negli anni è diventata trampolino di lancio per tanti talenti musicali grazie ad un team di Maestri esclusivi e all’impegno indefesso della Dirigente Arcangela Del Prete nel garantire professionalità, qualità e studio costante.