Mar. Mag 24th, 2022

ROMA- A tutti gli italiani è sorto sempre il dubbio perché l’Italia non fosse mai stata colpita dall’isis. Un dubbio che continua nonostante i ripetuti proclami, anche nel passato, che indicavano l’Italia come possibile obiettivo di attentati. Sul suo canale Telegram – come riporta “il Giornale” – l’Isis ha esortato i “lupi solitari” italiani ad attaccare il Paese. “Il prossimo obiettivo di Isis dopo la Spagna e la Russia è l’Italia”, si leggeva nel canale di comunicazione usato dal Califfato su Telegram. Un annuncio che andava nella direzione di un’inchiesta americana che riguardava l’attentato di Manchester. A riferirlo l’organizzazione statunitense Site specializzata nel monitoraggio dell’attività jihadista sul web. La scorsa settimana, dopo l’attentato di Barcellona, apparve un’altra esortazione a colpire l’Italia. Come ha rivelato “l’Espresso” da alcune intercettazioni telefoniche emergeva infatti la volontà di un giovane jihadista di colpire l’Italia. “Il 25 febbraio 2016 il ragazzo di Torino – scrive l’Espresso citando gli atti dell’inchiesta Usa – parla con un texano di Dallas. Mido chiede all’americano dell’Isis se, invece di andare a combattere in Siria, è possibile fare qualcosa in Italia, se è arrivato il momento”. Un episodio inquietante che pone a serio rischio anche il nostro paese da attentati che possono colpirlo e di come anche noi siamo a rischio attentati.