Mar. Mag 24th, 2022

L’attività d’indagine –supportata da consulenze tecniche, dalle risultanze di intercettazioni ambientali e telefoniche, nonché dall’espletamento di interrogatori ed audizioni di persone informate sui fatti – ha consentito di raccogliere, secondo l’ipotesi accusatoria avvalorata dal Gip, un grave quadro indiziario in ordine ad una fitta rete di rapporti tra esponenti politici (sindaco e un consigliere di maggioranza), del settore amministrativo comunale (riconducibile all’area lavori pubblici e all’area urbanistica, nonché all’UTC) e imprenditori locali, finalizzata alla commissione di numerosi illeciti, con riferimento al rilascio di autorizzazioni amministrative e all’affidamento di lavori pubblici in violazione delle disposizioni del codice degli appalti. In particolare, oltre ad irregolarità nell’affidamento diretto dei lavori, è emerso un illecita gestione del comune di Trentola Ducenta attuato attraverso un ostruzionismo amministrativo a carico di imprenditori vittime che, al fine di evitare prospettate conseguenze negative sotto il profilo del rilascio di autorizzazioni amministrative, hanno ceduto alla richiesta di assumere persone indicate dagli indagati o di fornire varie utilità. Sono emerse anche situazioni riguardanti imprenditori collusi che hanno garantito l’erogazione di favori a fronte di rilascio di autorizzazioni amministrative illegittime. Nel complesso sono state eseguite 2 misure degli arresti domiciliari, una per il sindaco di Trentola Ducenta Andrea Sagliocco, 5 divieti di dimora nella provincia di Caserta con contestuale sospensione dall’esercizio del pubblico ufficio (solo per alcuni) e 8 presentazione alla PG.