Gio. Set 29th, 2022

Dobbiamo prepararci ad un inverno difficile, che vedrà al centro di tutto la fornitura di gas ed energia elettrica. Una situazione imbarazzante per gli italiani che potrebbero vedersi razionare al fornitura di energia elettrica direttamente dalle società di fornitura. Il Messaggero ha pubblicato un’anteprima del testo che, se sarà approvato così com’è, costringerà i governi ad adeguarsi e ridurre il consumo di luce delle famiglie di almeno il 5 per cento nelle ore di picco dei consumi. Per evitare i consumi la procedura è molto semplice riducendo la potenza dei contatori delle case, grazie ai contatori intelligenti (“Smart metering”) che da diversi anni i distributori di energia elettrica hanno installato praticamente in tutte le case e in tutti i condomini. In questo modo le società di erogazione oggi possono agire da remoto abbassando o alzando la potenza dell’energia elettrica fornita.

L’abbassamento comporterà una difficoltà per gli elettrodomestici a funzionare tutti contemporaneamente. Per evitare che il razionamento possa interessare anche strumenti importanti come i macchinari di persone con gravi malattie, tutte le situazioni di possibile criticità saranno segnalate. L’obiettivo della riduzione sarà risparmiare il gas utilizzato nelle centrali elettriche, visto che il 40% della produzione elettrica nazionale avviene tramite l’uso del metano. Oltre ai tagli obbligatori nel consumo di energia elettrica, l’Europa spingerà anche per l’introduzione di un tetto ai ricavi dei produttori di energia elettrica da altre fonti.