Lun. Nov 28th, 2022

È stata presentata presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Università della Campania “L. Vanvitelli” la rivista promossa dalla Consulta della Pastorale Universitaria intitolata “Guitmondo. Rivista di campi e metodi”. Lunedì 7 novembre docenti, personale tecnico-amministrativo e studenti dell’Ateneo hanno preso parte ad una mattinata dedicata alla multidisciplinarietà dei saperi al ruolo dell’intellettuale nella formazione delle comunità. Si tratta dunque di un organo di informazione e confronto multidisciplinare ed aperto, Conpasuni ha infatti intitolato non a caso la rivista a Guitmondo, nome del terzo vescovo della città ed importante intellettuale medievale del XI secolo.

La rivista Guitmondo nasce infatti come iniziativa della Consulta della Pastorale Universitaria, rappresenta lo Zenit di un progetto di auto-formazione, confronto e voce territoriale su scala nazionale. Questa rivista “di campi e metodi” interpreta la conoscenza dei saperi nel suo senso più ampio, come da tradizione medievale, ha scelto di organizzare le proprie sezioni in: Trivium (scienze umane), Quadrivium (scienze matematiche, fisiche e naturali), Artes (discipline tecniche), Loci (discipline giuridiche ed economiche). Completa questa organizzazione una sezione per i settori cosiddetti “non bibliometrici” intitolata Imagines ed un Focus dedicato a ricerche scientifiche – afferenti ai settori precedentemente indicati – dedicate al territorio di Aversa e dell’Agro aversano.

All’incontro di lunedì 7 novembre, che si è tenuto nella sala consiliare della Real Casa dell’Annunziata, hanno preso parte il vescovo di Aversa Angelo Spinillo, insieme con il prorettore funzionale per Green Energy e Sostenibilità Ambientale dell’Università degli Studi della Campania “L. Vanvitelli” Furio Cascetta. Presenti il condirettore scientifico della rivista, il professor Giuseppe Pezzella, il direttore del dipartimento di Ingegneria Alessandro Mandolini e la direttrice del Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale Antonella Zerlenga che hanno portato i saluti delle due realtà di Ateneo presenti ad Aversa.

Durante la presentazione Giuseppe Pezzella ha chiarito aspetti culturali e pratici del progetto editoriale, come nasce, come si sviluppa e quali prospettive di scientificità vuole assumere “Guitmondo. Rivista di campi e metodi”. Il periodico semestrale rappresenta inoltre un’importante occasione per formare e riconoscere opportunità di crescita personale alle nuove generazioni di “tecnici” nei propri campi che si affacciano alla scrittura in ambito accademico: infatti oltre alle sezioni dedicati agli scritti di professori, esperti e ricercatori è prevista una sezione riservata ai discipuli, in cui saranno inseriti i lavori meritevoli di studenti e giovani ricercatori. A testimoniare questo aspetto della rivista sono intervenute  Antonella Muto e Nicolina Montella, studentesse del Dipartimento di Ingegneria, ed ha invece coordinato i lavori Angelo Cirillo studente e membro della Consulta di Pastorale Universitaria.