Mar. Nov 29th, 2022

ROMA- Chi ha vinto, chi ha perso, tutti non ammettono che l’unica vera sconfitta di questa tornata elettorale è stata la democrazia. Il turno di ballottaggio ha visto una scarsa affluenza alle urne, a Napoli la peggiore di tutti, segno di grande disaffezione nei confronti della politica. Soprattutto c’è da sottolineare una scarsa fiducia nel secondo turno, quindi gli elettori si stancano e non vanno a votare.

La misura del doppio turno è ormai consolidata nella riforma elettorale anche per le prossime elezioni politiche. Credo che debba essere rivista questa procedura, altrimenti si finisce come Napoli, dove a decidere sono una piccola parte di napoletani e non tutta la città.

Domenica ha perso la democrazia, perché il voto è l’unico diritto che hanno i cittadini per poter decidere chi deve governare. È un diritto e dovere che nessuno dovrebbe sottrarsi, eppure si è visto un calo di affluenza impressionante. C’è un passaggio in questa democrazia che va rivisto velocemente, perché il fatto che i cittadini non vanno a votare è segno di debolezza di un popolo che non ha più fiducia in nulla.