Ven. Set 30th, 2022

CASAPULLA-Il Movimento 5 Stelle di Casapulla, il giorno 27/07/2015 ha protocollato una mozione relativa al c.d. “Baratto Amministrativo”.

Spesso tributi come locali si rivelano abbastanza gravosi anche e soprattutto  per i cittadini meno agiati. Il concetto di Baratto Amministrativo, introdotto con la Legge n.164 del 2014, che all’art. 24 prevede “misure di agevolazione della partecipazione delle comunità locali in materia di tutela e valorizzazione del territorio”, dà la possibilità al cittadino di estinguere il suo debito con l’amministrazione comunale svolgendo lavori di pubblica utilità.

Dunque “i Comuni possono deliberare riduzioni o esenzioni di tributi a fronte di interventi per la riqualificazione del territorio, da parte di cittadini singoli o associati.

Gli interventi possono riguardare la pulizia, la manutenzione, l’abbellimento di aree verdi, piazze, strade ovvero interventi di decoro urbano, di recupero e riuso, con finalità di interesse generale, di aree e beni immobili inutilizzabili, e in genere la valorizzazione di una limitata zona del territorio urbano o extraurbano”.

Sebbene possa sembrare un progetto difficilmente realizzabile, dopo quasi un anno dall’emanazione della Legge che ha disposto la possibilità di introdurre questo sistema, a Invorio, un piccolo comune del novarese di circa 4500 abitanti, è da divenuto realtà da qualche settimana.

Il M5S di Casapulla ha, inoltre, provveduto ad allegare una proposta di Regolamento che fissi i criteri e le modalità di individuazione dei beneficiari dello strumento ‘civico’ da adottare, chiedendo la trattazione della questione nel Consiglio comunale del 30/07/2015.

L’attuale  Amministrazione, che ha da sempre professato la sua vicinanza alle reali esigenze dei cittadini, ha finalmente l’occasione di dimostrarlo.