Mar. Lug 5th, 2022

BARI-“Da anni lavoro fianco a fianco con tanti professionisti dell’informazione e in particolare con quelli del Corriere del Mezzogiorno di Bari. Questi ultimi si sono sempre distinti per impegno, professionalità e dedizione al lavoro e alla testata alla quale appartengono – commenta il presidente della regione puglia Michele Emiliano – E hanno contribuito, in questo periodo durissimo per tutto il Mezzogiorno e per la Puglia, al rilancio di immagine ed economico della nostra comunità attraverso il pluralismo dell’informazione. Essi hanno consentito alla Puglia di risollevare finalmente la testa e di combattere con le altre aree del paese la battaglia della competitività consentendoci, assieme a tutto il mondo dell’informazione pugliese, di intraprendere un cammino per riscattare la nostra terra dall’illegalità, dalla corruzione, da prassi politiche un tempo considerate endemiche nel Mezzogiorno.

“ Se la Puglia oggi è una regione completamente diversa rispetto a 10 anni fa e se viene considerata dagli osservatori come una vera e propria locomotiva del Sud il merito è anche dei lavoratori dell’informazione e quindi del Corriere del Mezzogiorno. “I pugliesi hanno in gran parte mutato l’opinione verso se stessi, verso il rispetto delle regole, verso le altre persone, attraverso il lavoro di una redazione sempre attenta e reattiva grazie alla quale è stato possibile intervenire sui mali della nostra società, sulle inefficienze della pubblica amministrazione ed in particolare, da ultimo, del sistema sanitario pugliese. Tutto questo sempre con obiettività e spirito di collaborazione con le istituzioni sulle quali grava il compito di offrire cambiamento e miglioramento alla comunità. Meraviglia dunque che tutto questo patrimonio materiale e immateriale venga oggi pesantemente sacrificato secondo una logica che non misura con equità lo sforzo fatto da ciascuna delle componenti aziendali organizzate sul territorio e, soprattutto, che non considera la necessità della Puglia di poter contare sulla piena efficienza di una testata così importante.

“ Il Corriere del Mezzogiorno della Puglia non deve essere penalizzato né dal punto di vista dell’organico, ne dell’impegno editoriale con una riduzione inopinata del numero di pagine dell’edizione. Vorrei incontrare i dirigenti del Corriere del Mezzogiorno per contribuire a trovare insieme una soluzione a una vicenda così dolorosa.”