Mar. Mag 24th, 2022

Anche il fondatore del movimento cinque stelle, Beppe Grillo, recita un mea culpa dopo il tonfo anche alle regionali in Sardegna. Il garante del Movimento 5 Stelle, commenta con amarezza il tonfo durante il suo spettacolo al Metropolitan di Catania.

È un momento particolare per il movimento, e anche nelle ultime ore è messa in discussione la leadership di Di Maio, ma ora anche i ministri finiscono nel mirino degli attivisti.

Ma chi sembra essere ad un passo dalla resa è proprio Grillo: “Forse non siamo all’altezza, forse siamo principianti come dicono – ha detto Grillo durante lo spettacolo a Catania.

Parole meno dure nei riguardi del suo alleato di governo Salvini: “Salvini è il meno peggio, abbiamo fatto con lui un accordo su 25 punti. Abbiamo portato a casa il reddito di cittadinanza, la legge contro i corrotti e altro. Salvini è uno leale ed è furbo perché sfrutta le piazze come una volta facevamo noi. Però la Lega quello che stiamo facendo noi non lo sa. Stiamo cercando di fare capire alcune cose a questi giovani della Lega che non sono poi così coglioni…”.

Una cosa è certa: dal movimento 5 stelle fuggono gli elettori veri, cioè quelli che non sono iscritti alla piattaforma ed hanno votato il movimento solo per spirito di protesta. La base del movimento è una minoranza rispetto a tutti gli elettori italiani che il quattro marzo votarono per il cambiamento. Purtroppo nelle realtà locali il movimento non riceve considerazioni e quindi continua ad essere perdente.