Mar. Mag 24th, 2022

La camorra del pizzo rialza la testa e mette in ginocchio la parte sana della città. È quanto emerge nel blitz condotti dai carabinieri di Napoli, coordinati dalla DDA, ed hanno eseguito 19 misure cautelari ((18 in carcere e una ai domiciliari) nei confronti di altrettanti indagati ritenuti affiliati alla camorra. Chiedevano da mille a ventimila euro di pizzo nel rione sanità. Per loro l’accusa di associazione a delinquere di stampo camorristico, associazione dedita al traffico di droga ed estorsioni, aggravate dal metodo e dalla finalità mafiosa.
Tra i destinatari figura anche il capoclan della cosiddetta zona. Nel rione regnava un clima di omertà: per paura di ritorsioni, imprenditori e commercianti non denunciavano le estorsioni (tentate e consumate) che subivano.