Mer. Lug 6th, 2022

Quanto guadagna un direttore di banca, un magistrato, un politico, un dirigente, un manager, un sindacalista, tanto, tantissimi soldi al mese. Alcuni di loro guadagnano tanti di quei soldi che possono stare bene anche lavorando solo cinque anni della loro vita, e poi godersi tutto.

Poi c’è un’altra categoria di lavoratori, quelli che a 55 anni, al massimo 60 anni, devono andare in pensione. Invece no, quelli che guadagnano un sacco di soldi pretendono che questi lavoratori devono schiattare finché il padreterno non li chiama.

In questi giorni di primo caldo, si incontrano tantissimi lavoratori edili, che con la testa sotto il sole, lavorano dalle 7.30 del mattino fino alle 17 di sera. Sempre costantemente sotto il sole. La pelle brucia, la testa brucia, il sudore cala fin dentro le brache annaffiando le parti intime fino a farle diventare un contenitore di sudore.

Sono gli eroi di questa società incivile, dove c’è chi guadagna 200mila euro al mese stando al fresco e senza fare un tubo, e quando va in pensione pretende buonuscita da diversi milioni di euro, e chi invece per 50 euro al giorno crepa sotto il sole. Per questi eroi ci sono pochi diritti, o meglio, quelli che ci sono lasciano il tempo che trovano.

I capi del potere sono solo buoni a parlare e fare leggi che penalizzano proprio questi soggetti. Loro devono lavorare altrimenti le leggi fatte dai capi di partito e loro affini, portano via anche quel poco che hanno costruito stando sotto il sole a 40 gradi o al gelo durante l’inverno.

Per questi eroi che fanno tantissimo per la società, non ci sono guadagni stratosferici come quelli dei politici e dei sindacati, no, loro devono lavorare, e non trovano un angolo di refrigerio durante la giornata. La sera hanno solo voglia di sdraiarsi, mangiare l’unico pasto della giornata, perché anche la merenda a pranzo è picchiata dal sole, e sperare che il giorno dopo la calura cali la sua pressione. Ma i politici di tutto ciò che ne sanno?