Sab. Mag 21st, 2022

CASTELLAMARE DI STABIA -“Attraverso le presidenze delle commissioni il Partito Democratico e la maggioranza consiliare hanno completato l’opera di spartizione del potere, senza democrazia e senza alcun dialogo con le opposizioni, comportandosi da vero ‘asso pigliatutto’”. Così Vincenzo Ungaro, capogruppo consiliare dell’opposizione di centrodestra a Castellammare di Stabia.

“Come avevamo già preannunciato, – ha continuato Ungaro – la maggioranza che sostiene il sindaco Antonio Pannullo si è dimostrata competente nelle spartizioni e il Pd si è dimostrato il partito del fare…asso pigliatutto. È in questo modo becero che è stato utilizzato il Manuale Cencelli. Se era quantomeno logico, politicamente parlando, che la presidenza delle commissioni andasse alla maggioranza, molto meno logica e democratica è apparsa la prova di forza del Pd. Una vera imposizione votata da loro stessi nei confronti di persone e di gruppi rimasti fuori dalla giunta (altro grave esempio di spartizioni di potere che hanno mortificato le professionalità stabiesi). È proprio per restare in un contesto democratico che avevamo proposto come presidente del consiglio Vincenzo Amato del Movimento 5 Stelle.

Ma se il Pd è ‘ferrato’ sulle logiche di spartizione, molto meno lo è nella gestione della città e delle sue problematiche. Pochi esempi su tutti partendo da quanto sta accadendo in località ‘Madonna della Libera’. Qui circa 40 famiglie sono ostaggio di un cantiere per la metanizzazione e nonostante i numerosi appelli al Comune e all’amministrazione comunale del sindaco Antonio Pannullo, non c’è stato alcun confronto. Tanto più che i cittadini non chiedevano di non fare i lavori ma soltanto di concertarli per evitare gli innumerevoli disagi.

E non possiamo non domandarci cosa accadrà tra pochi giorni al corso Alcide De Gasperi dove i lavori procedono a rilento. Il Comune ha lanciato un ultimatum alla ditta, che da cronoprogramma dovrebbe concludere l’opera a novembre. Il termine ultimo per la rendicontazione, e per non perdere ancora una volta i fondi europei, è marzo 2017: il Pd stavolta saprà fare meglio rispetto al recente passato?

È solo grazie all’ottimo operato dei volontari, che stanno ripulendo in questi giorni numerosi punti della città, che a Castellammare sta tornando la speranza di una città migliore. Il Comune, invece, non è neppure in grado di ripulire le caditoie e i cittadini devono provvedere autonomamente. È questo il prezzo delle spartizioni che si stanno consumando a Palazzo Farnese”.