Mar. Dic 6th, 2022

ROMA- Ci apprestiamo a vivere mesi di dura campagna elettorale per il voto politico della prossima primavera. In giro si annusa qualcosa di diverso: un sentimento di rabbia che solo i politici non vedono. Credo che i cittadini in questo momento stanno facendo provviste di uova marce, pomodori infraciditi, frutta marcia da poter spendere durante i comizi elettorali.

Veramente i politici italiani non riescono a percepire la rabbia che c’è in giro. Una rabbia dettata dalle cattive condizioni di vita in cui sono precipitati gli italiani. Il sentimento contro la sinistra fa venire i brividi, contro il centrosinistra e centrodestra fa paura, gli unici che stanno riscuotendo un pizzico di simpatia sono solo i ragazzi del M5S, che sono visti un po’ come l’unica alternativa al vecchio sistema.

C’è molta rabbia che, molto probabilmente, si può tradurre in una astensione massiccia dal voto o in un cambio di rotta proprio verso il M5S. Proprio il fatto che i vecchi marpioni della politica attaccano quotidianamente i giovani grillini, fa pensare che i vecchi partiti tremano dalla paura. Una cosa è certa, la rabbia contro il vecchio sistema dei partiti e dei suoi uomini e donne, si fa sempre più forte, e alle prossime elezioni politiche questa rabbia sarà di sicuro scaricata su chi ha ridotto questo stato in miseria.