Sab. Nov 26th, 2022

In Italia “è ancora in vigore l’uso obbligatorio di mascherine nelle strutture sanitarie e di assistenza a lungo termine. Mentre per il resto le mascherina non sono più usate. Assistiamo a stadi pieni, concerti, assembramenti per le vie della movida, e nessuno indossa più la mascherina. Ma in vista dell’inverno dove la recrudescenza dell’epidemia potrebbe ritornare a salire, il ministero da le sue avvertenze. Preoccupa infatti la situazione contagi in Lombardia e soprattutto in Veneto, con il presidente Luca Zaia che afferma: “Nelle ultime 24 ore abbiamo avuto in Veneto 8312 contagi; siamo aumentati di 8 volte nell’ultima settimana. In terapia intensiva abbiamo già 26 ricoverati, mentre una settimana fa erano 18.

“Nel caso di un sensibile peggioramento dell’epidemia – si legge ancora nella circolare – si potrà valutare l’adozione temporanea di altre misure, come il lavoro da casa o la limitazione delle dimensioni degli eventi che prevedono assembramenti, garantire un’adeguata ventilazione negli ambienti chiusi è una misura fondamentale per ridurre il rischio di trasmissione del SARS-CoV-2 e di altri virus respiratori. Il loro uso in spazi pubblici chiusi potrà essere una prima opzione per limitare la trasmissione nella comunità nel caso in cui si documentasse un evidente peggioramento epidemiologico con grave impatto clinico e/o sull’assistenza sanitaria e/o sul funzionamento dei servizi essenziali”.