Ven. Set 30th, 2022

ROMA-Il Sindaco metropolitano di Roma Capitale, Ignazio Marino ha firmato oggi, al termine dei lavori del Coordinamento dei Consiglieri delegati, il decreto che avvia l’iter per l’approvazione del Bilancio di previsione per l’esercizio 2015 da parte del Consiglio metropolitano.

La proposta di bilancio, frutto di attente valutazioni tecniche, mira a salvaguardare gli equilibri finanziari dell’Ente, pur di fronte alle oggettive difficoltà economiche contingenti.

Il Sindaco Marino ha espresso “la ferma determinazione ad ottenere interventi sostanziali da parte del Governo al fine di consentire una efficace azione amministrativa da parte della Città metropolitana di Roma Capitale”.

Il Consigliere delegato al Bilancio Gianni Paris, a tal proposito, ha affermato: “La Città metropolitana rappresenta l’unica vera novità degli ultimi anni in materia di governo del territorio. Sono però necessarie adeguate risorse economiche. In mancanza di fondi sarebbe come avere a disposizione una vettura di grande cilindrata, ma senza carburante”.

“I tempi – ha aggiunto Paris – sono molto stretti. Entro la fine di settembre il bilancio deve essere approvato. Sarà un bilancio che avrà un respiro trimestrale, da ottobre a dicembre 2015. Si tratta di un impegno fondamentale che intendiamo assolutamente mantenere con i cittadini amministrati e lo stiamo portando avanti con grande risolutezza”.

E’ stato evidenziato che sarà possibile raggiungere il traguardo del patto di stabilità soltanto grazie ad interventi esterni. Da tale punto di vista la Regione Lazio rappresenta un interlocutore fondamentale. Tutti hanno auspicato che la Regione possa pagare i crediti verso la Città metropolitana, consentendole così di adempiere agli obblighi previsti dal patto di stabilità.

Ora la proposta di bilancio sarà sottoposta al parere dei Revisori dei Conti; successivamente sarà all’attenzione della Commissione Bilancio della Città metropolitana di Roma Capitale e della Conferenza dei Sindaci.

Sarà poi il Consiglio metropolitano entro il 30 settembre 2015 a votare la versione definitiva del Bilancio di previsione 2015.