Mar. Dic 6th, 2022

Quello che è mancato nel reddito di cittadinanza sono i controlli. Si colpevolizza una misura preziosa per le persone indigenti che, però, è mancata di controlli nella prima fase. Così si scoprono truffe ogni giorno che vanno a sottrarre ai bisognosi risorse importanti.

È il caso scoperto dalla polizia di stato di Cagliari – come riporta da AGI – che ha scoperto 300 persone, tutti cittadini stranieri, indebitamente percettori del reddito di cittadinanza. Queste persone avrebbero dichiarato falsamente di avere i requisiti per ottenere il beneficio e, tramite i Caf o le Poste Italiane, hanno trasmesso all’Inps la relativa domanda. Secondo gli investigatori, per ottenere il reddito di cittadinanza autocertificavano falsamente di essere in possesso del permesso di soggiorno di lungo periodo o di avere la residenza in Italia da almeno dieci anni, di cui gli ultimi due continuativi.

È stato accertato anche che alcuni dei denunciati venivano appositamente in Italia per chiedere il reddito: dopo averlo ottenuto con le false dichiarazioni, ritornavano nei Paesi di origine portando con se la carta di credito delle Poste sulla quale veniva “caricato” mensilmente il denaro.