Lun. Nov 28th, 2022

Il PD ha problemi in tutte le parti d’Italia dove il 3 e 4 ottobre si va al voto per il rinnovo dei consigli comunali. Alleanze costruite con l’intento di resistere. I sondaggi sono tutti contro di lui. È il caso di Roma, dove il M5S cerca di mantenere in vita la sua sindaca sperando di poter bissare il successo. Cosa assai difficile. Le liste ancora non sono del tutto pronte, gli unici certi sono solo i candidati sindaco, che già da diversi mesi sono in campagna elettorale solitaria. C’è l’assenza degli uomini e donne che devono completare le liste, come non sono del tutto definiti i programma da presentare ai cittadini. Dai quartieri alti del PD dicono che la lista che sarà presentata a supporto dell’elezione di Roberto Gualtieri è quasi ultimata. La città è divisa per candidati sindaco, sembrerebbe che Carlo Calenda corre veloce nel centro storico, Virginia Raggi resiste nelle periferie, e Roberto Gualtieri non sfonda, non incide più di tanto sul sentimento popolare. Al momento gli elettori romani sono più presi dalle vacanze che dal voto. Forse solo al rientro dalle vacanze prenderanno coscienza che sono chiamati al voto per confermare o mandare a casa Virginia Raggi. A Roma di sicuro non sarà una passeggiata per tutti i candidati. La città mostra segnali d’insofferenza, dopo tante promesse elettorali continua a vivere i suoi disagi eterni, chiunque governi