Lun. Nov 28th, 2022

Già da molto tempo il segretario del PD, Nicola Zingaretti, non dorme sonni tranquilli. La sua pessima gestione della crisi di governa aperta da Matteo Renzi, ha messo in guardia l’intero partito, tanto che oggi si paventa una ulteriore scissione dopo quella portata a termine da Renzi. Chi invece gongola è il governatore della regione Emilia Romagna, che ora punta dritto a prendersi il partito togliendo a Zingaretti la segreteria. A spaventare tutti all’interno del PD è la scesa in campo dell’ex premier Giuseppe Conte a capo del M5S. Dalle prime battute già i sondaggi danno un PD in caduta libera. Oltretutto c’è una concreta opzione all’orizzonte, che sarebbe quella di un ritorno in casa PD di Matteo Renzi qualora Bonaccini diventasse segretario del Partito. Sono in tanti all’interno dei Dem che vogliono Renzi di nuovo nel PD.

A preoccupare, come detto, sono i sondaggi. E ieri sera molti Dem sono andati in panico quando il direttore Enrico Mentana ha reso noto il sondaggio Swg riguardante il quadro politico con Giuseppe Conte leader del Movimento 5 Stelle. Tutto prevedibile, poiché già in precedenza altri sondaggi avevano definito un quadro diverso con conte a capo di un suo partito. Quindi tutto prevedibile che l’ex premier fosse in grado di togliere voti al PD. Ma ieri sera, però, la forbice si è allargato di molto, con addirittura un PD che  perderebbe il 4,3% e scivolerebbe al 14,2% facendosi così sorpassare dal M5S a guida Conte (22,3%) e, addirittura, sorpassato da Fratelli d’Italia (16,1%).  Un quadro desolante sia per il PD come partito sia per Zingaretti, che vede sempre più vicina la sua uscita da segretario.