Ven. Ago 19th, 2022

ROMA-Il presidente di Confitarma, Emanuele Grimaldi, annuncia il “varo” di una nuova associazione che riunirà armatori, cantieri, gestori di scali portuali e forse il Rina. Obiettivo: contrastare il crescente peso di Confcommercio, Conftrasporto e Fedarlinea.

Una nuova federazione degli operatori marittimi aderente a Confindustria, che racchiuderà gli interessi di armatori, cantieri navali e grandi imprese di settore, di cui faranno parte probabilmente anche il Rina e i terminalisti portuali. E’ l’annuncio fatto al convegno Mare Forum di Roma dal presidente di Confitarma, Emanuele Grimaldi, secondo il quale la categoria “deve essere unita e maggiormente rappresentativa per essere ascoltata a Roma”. Tra gli obiettivi dell’iniziativa anche quello di contrastare il crescente peso di Confcommercio, Conftrasporto e Fedarlinea nel comparto della portualità e del trasporto marittimo. Per Grimaldi, infatti, che ha comunque precisato che Confitarma continuerà ad esistere, “industria e commercio sono due cose differenti, noi stiamo ragionando a una nuova Federazione che rappresenti la risorsa mare e tutto l’insieme di attività che ruota attorno al sistema nave”.