Mar. Lug 5th, 2022

COSENZA-È successo a Rende (Cosenza). Per pagare gli studi al figlio finisce nella rete dell’usura. L’uomo disperato alla fine ha deciso di uscirne con l’aiuto dei carabinieri di Rende che hanno arrestato, in esecuzione di un’ordinanza del gip di Cosenza, su richiesta della Procura, due cugini cosentini di quarantotto e cinquanta anni per usura ed estorsione. L’indagine inizia nel febbraio scorso dopo la denuncia dell’uomo, che si era indebitato per pagare al figlio un corso di formazione professionale al Nord. Molte erano le spese da affrontare sia per le esigenze del figlio sia per il mantenimento della famiglia stessa, così decise di rivolgersi a dei conoscenti che avevano dimostrato disponibilità nell’offerta di 3.500 euro, stabilendo un tasso usuraio di 500 euro al mese. Questo stato di cose ha aggravato ulteriormente la già limitata situazione economica della vittima, alla quale era stata anche levata l’auto come cauzione. L’uomo stremato e soffocato dai suoi aguzzini ha trovato il coraggio e la forza di denunciare l’accaduto ai carabinieri di Rende mettendo così fine alle persecuzioni degli strozzini.