Lun. Lug 4th, 2022

Per Vincenzo De Luca quella di oggi è stata la conferenza più sofferta. La regione che lui amministra fino a due settimane fa era la più sicura, diceva il governatore, poi all’improvviso, a 48 ore dalla chiusura della campagna elettorale, si è capovolto tutto. ora la regione Campania guida la classifica delle regioni più contagiate. Numeri impressionanti. Eppure si fanno meno tamponi delle altre regioni e si ottiene il maggior numero di contagi.

Anche la situazione sanitaria non è del tutto tranquilla. Già il caos generato per effettuare i tamponi mostra un segnale di cedimento. Tanto che nei giorni scorsi il governatore è stato costretto anche ad autorizzare gli ambulatori privati ad eseguire i tamponi.

Ma veniamo ai numeri. Sono proprio i numeri a preoccupare il governatore ma anche l’intera popolazione campana. 757 positivi ieri, oggi 8 ottobre la situazione non cambia: 769 positivi a fronte di 9.549 tamponi.

La risposta di De Luca a questi numeri è stata questa: “Obiettivo è avere equilibrio tra nuovi positivi e guariti. Ma se abbiamo mille contagi e duecento guariti è lockdownm”.  Ha detto De Luca in diretta Facebook. “Se abbiamo un incremento ogni giorno di 800 nuovi positivi chiudiamo tutto. Non drammatizzo, faccio un calcolo numerico”. È la risposta che forse tutti si attendevano, ed è la maggiore preoccupazione per chi fa impresa. Infatti la macchia del lavoro che non c’è, che ormai dura da settant’anni, e nemmeno De Luca è riuscito a risolvere, è la più grande crisi che la regione vive, oltre all’epidemia in corso.