Mar. Ott 4th, 2022

CASTELLAMMARE DI STABIA -Dopo ripetute segnalazioni con le quali il comune di Castellammare di Stabia aveva denunciato alle autorità competenti l’occlusione quasi completa della foce del rivo San Pietro nel porto di Castellammare di Stabia con un “tappo” di detriti e materiali litoidi che ostruendo il naturale deflusso delle acque meteoriche metteva a gravissimo rischio la pubblica e privata incolumità, atteso che il rivo sotto passa, per oltre 70 metri, il centro antico di questa città densamente abitato, finalmente in data 12 settembre 2015 sono terminati i lavori di deostruzione cominciati nel mese di luglio 2015.

In una prima fase sono stati rimossi circa 400 mc di sedimento, e dopo la caratterizzazione degli stessi, altri 1200 mc che corrispondono a 2000 tonnellate di sedimenti portati a discarica.

Il fondale antistante detta foce è stato così portato ad una profondità di circa 3,5 dal livello medio del mare.

A tal proposito si allegano alla presente comunicazione le fotografie che mostrano la gravissima situazione in cui si trovava la foce del rivo San Pietro completamente interrata prima dell’intervento (foto n.1-3) nonché l’attuale situazione priva di detriti con il fondale liberato per 3,5, mt. Di profondità (foto n.4-6).

Il sindaco Nicola Cuomo dichiara: “Siamo riusciti a far effettuare, dopo vari incontri con le autorità competenti, questo determinante intervento di protezione della pubblica e privata incolumità e ringrazio l’autorità portuale di Napoli che ancora una volta ha dimostrato grande sensibilità compiendo un’operazione di deostruzione di grande impatto. Stiamo anche lavorando con gli uffici della regione Campania per ulteriori interventi nel tratto a terra del rivo San Pietro per evitare che i detriti arrivino a mare.

Già sono state compiute opere a terra nel mese di luglio che a giorni verranno completate.”