Mer. Lug 6th, 2022

Le camere devono decidere se ora dare il sostegno al nuovo governo che Mario Draghi. Stamattina ha accettato l’incarico con riserva proposto dal capo dello stato Sergio Mattarella. Nelle ore successive ha già incontrato il presidente della Camera Roberto Fico e quello del senato Maria Elisabetta Casellati. Per poi incontrare il premier uscente Giuseppe Conte, con il quale ha avuto un colloquio di oltre un’ora.

Le forze politiche sono in fermento ed hanno iniziato, ognuno per conto proprio, il confronto interno su come affrontare la crisi generata da Matteo Renzi, che ha portato alla fine del governo gialloroso. Mario draghi ha sottolineato l’importanza di dare un governo al paese per farlo uscire dalla delicata situazioni in cui versa.

Al momento l’unica forza che si è pronunciata con un netto NO è stato solo il M5S. Già da ieri sera Vito Crimi aveva fatto intendere che erano fedeli a Conte, e che non avrebbero dato nessun appoggio ad un governo Draghi. A seguire sono arrivate le dichiarazioni di altri Big del movimento a rimarcare la loro non disponibilità a sostenere un governo non politico. Draghi ha chiesto l’appoggio di tutti, stesso invito fatto ieri sera dal capo dello stato. Anche all’occhio dell’opinione pubblica si fa spazio la necessità di una guida autorevole che traghetti il paese fuori dall’epidemia e rimette in moto la morente economia. Per ora, quindi, solo il M5S e il partito di Giorgia Meloni, sembrano essere orientati verso un NO secco a Draghi.

Nel frattempo la Borsa di Milano aveva aperto in forte rialzo nell’attesa dell’incontro con il presidente della Repubblica, con un primo Ftse Mib che aveva segnato un +2,95% a 22.733 punti. Lo spread tra Btp e Bund in calo. Piazza Affari ha quindi confermato il deciso rialzo dopo l’intervento del premier incaricato. Il Ftse Mib sale del 2,72% a 22.666 punti. E Mario drago è uno di quelli che conosce molto bene i mercati. La storia è tutta aperta, nelle prossime ore si saprà chi sul serio vuole tenere fede all’invito fatto dal capo dello stato.