Mer. Lug 6th, 2022

Siamo entrati in una catena senza via d’uscita. Sembra ormai evidente che uscire dall’Europa significa scatenare una guerra. Stamani il presidente della Bce Mario draghi ha detto che l’europa è pronta ad usare altri mezzi per salvare la UE in caso di una forte recessione.

Ma il punto che preoccupa di più è quando il presidente ha detto al parlamento europeo che “un Paese perde sovranità quando il debito è troppo alto, perché a quel punto sono i mercati che decidono e ogni decisione di policy deve essere scrutinata dai mercati”. Insomma, siamo ostaggi dei mercati e non più ostaggi della produttività.

L’Europa è quello strumento che favorisce le decisioni dei mercati e non guarda con attenzioni ai mercati produttivi come unica arma di sviluppo. Diventa d’attualità l’aforisma del secondo presidente degli stati uniti d’America John Adams nel lontano settecento: “Ci sono due modi per conquistare e sottomettere una nazione ed il suo popolo. Uno è con la spada, l’altro è controllando il suo debito”. Ecco, il passato si ripete nel presente.