Dom. Dic 4th, 2022

ROMA- Finalmente compare il tricolore nell’albo d’oro del singolare femminile dell’Us Open. Un final match tutto italiano, che termina con un 7-6 (4), 6-2. La tarantina Roberta Vinci ha interpretato il ruolo della finalista, mentre quello della vincitrice è spettato alla brindisina Flavia Pennetta. Per la trentatreenne è il primo torneo Slam in carriera, e pure l’ultimo. Durante la premiazione, infatti, arriva il colpo di scena: la Pennetta annuncia il ritiro dalle competizioni, affermando di giocare fino alla fine dell’anno.

Di fronte a tanto orgoglio italiano, il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, non poteva restare inerte. Ha annullato tutti i suoi impegni per volare sulla Grande Mela ed assistere dal vivo alla emozionante finale con il Presidente del Coni, Giovanni Malagò.

È la Vinci che, però, parte nel modo migliore. Un inizio molto tattico, contrassegnato dalla reciproca e perfetta conoscenza dei punti deboli delle due azzurre: il rovescio della Vinci e la risposta a servizio della Pennetta. Ma, nel gioco successivo, i ruoli si ribaltano, e la brindisina sembra avere la meglio. Sebbene  la tarantina approfitti di alcuni errori della sua avversaria, non riesce comunque a conquistare la vittoria. Anche se la Vinci non si è mai arresa ed ha cercato costantemente di ridurre lo svantaggio.

Alla fine, le due sorelle d’Italia si abbracciano al centro del campo, offrendo un nobile esempio.

«Con il titolo dell’Us Open, la mia vita è perfetta!», ha esclamato piena di gioia.

Ma da tempo stava pensando di mettere un punto alla sua notevole e caotica carriera. La Pennetta vuole dedicarsi a tutto ciò che ha dovuto trascurare fino ad ora: la quotidianità. Desidera semplicemente una propria famiglia e una casa di cui prendersi cura. Una gara davvero difficile.

La nostra campionessa avrà, dunque, un’ennesima e sontuosa sfida da affrontare: ritornare alla “normalità”.