Dom. Dic 4th, 2022

FOGGIA-Nell’ambito delle complesse indagini che hanno condotto in data 29 gennaio scorso la Polizia di Stato di Foggia ed il Servizio Centrale Operativo all’arresto di 12 persone per i reati di associazione a delinquere finalizzata alle rapine ai danni di caveau di istituti di vigilanza e furgoni portavalori, detenzione e porto di armi da guerra ed armi comuni da sparo, ricettazione e riciclaggio di autovetture, ulteriori approfondimenti investigativi  hanno consentito a personale della sezione misure di prevenzione della Divisione Anticrimine della Questura di Foggia e del Servizio Centrale Operativo unità indagini patrimoniali di inoltrare richiesta di sequestro preventivo, ai sensi della normativa antimafia, di un fabbricato sito nel comune di Orta Nova (FG) e di un’autovettura, beni riconducibili a RUSSO Antonio ed aventi un valore complessivo di 500mila euro.

L’immobile sito nel comune di Orta Nova (FG)  è la villetta nella quale è stato catturato il 29 gennaio u.s. il RUSSO Antonio, in tale occasione a destare l’attenzione degli investigatori, in particolare, fu la strana posizione di un armadio bar fissato all’interno di una parete nella taverna della villa, dietro cui si celava un locale ove il   RUSSO Antonio aveva tentato di nascondersi.

Tali due sequestri, operati nella giornata odierna, seguono le precedenti misure patrimoniali eseguite il giorno degli arresti,aventi ad oggetto  6 società,13 terreni agricoli, 27 rapporti bancari, 23 immobili, 7 beni mobili registrati tra cui un’imbarcazione ed il cui valore ammontava ad oltre 5milioni di euro.