Ven. Set 30th, 2022

BARI- Una maxi operazione che ha portato al sequestro di numerosi impianti di fotovoltaico e un’ingente somma di denari di 16 milioni di euro. È quanto scoperto dalla guardia di finanza: Gli impianti, in Puglia, intestati a soggetti diversi, erano in realtà riconducibili a Cpl Concordia, cooperativa coinvolta nelle presunte tangenti per la metanizzazione di Ischia. Il gip di Modena, su richiesta della procura, ha emesso 14 avvisi di garanzia. Le indagini della Guardia di Finanza e della procura di Modena hanno accertato un’anomala concentrazione di impianti fotovoltaici in alcune aree dei Comuni di Turi e Noci, in provincia di Bari. Gli impianti erano riconducibili a soggetti diversi ma in effetti, secondo le indagini, erano tutti riconducibili a soggetti economici diversi, ma in effetti erano riferibili a un unico centro di interessi economici, Appunto la “Cpl Concordia società cooperativa. Gli avvisi di garanzia sono stati notificati dai finanzieri della compagnia di Monopoli ad altrettanti progettisti e rappresentanti legali di società per i reati di associazione a delinquere, falsità ideologica in atto pubblico e truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche.