Dom. Set 25th, 2022

LUSCIANO- Stamattina imponente manifestazione alla Villa dei Cedri per scongiurare la chiusura della stessa, che mette a rischio l’assistenza a più di 400 disabili che quotidianamente sono assistiti dalla struttura. Il pomo della discordia è la delibera n 490/2017 dell’Asl Caserta che nel ridefinire i tetti di spesa per il 2017 assegnava alla struttura la somma complessiva di 1.553.424,74 euro, ossia un tetto di spesa praticamente dimezzato. Tale dimezzamento, intervenuto dopo oltre mesi di attività svolta in base al budget dell’anno precedente, provocherà già nel prossimo mese l’inevitabile esaurimento delle risorse assegnate. Tale drastica riduzione del budget si rivela del tutto illogica, in quanto legata a mere esigenze contabili e di bilancio dell’Asl, ma del tutto lontana rispetto a quelli che dovrebbero essere i suoi primi ed essenziali parametri di riferimento ossia le esigenze minime di assistenza esistenti sul territorio, così come previste dai LEA.  Villa dei Cedri, sulla scorta di queste decisioni, sarà costretta a sospendere l’attività riabilitativa, a riaffidare i proprio pazienti all’asl Caserta e a disporre il licenziamento di circa metà del proprio personale, data l’impossibilità di sostenere i costi esorbitanti.

Fin qui la storia che ha generato la manifestazione di questa mattina. A me personalmente preme dire che sulla salute delle persone non si scherza, e qualsiasi scelta da parte della politica non deve intaccare l’assistenza di chi soffre. Cosa che ho ribadito, da giornalista, al sindaco di Aversa e di Lusciano: “Non sia una semplice passerella, ma sia seguita da fatti concreti a sostegno della salute dei disabili”. Perché è proprio la politica, con i suoi politici, a generare situazioni di difficoltà come quella di Villa dei Cedri. L’enorme prassi burocratica, e l’enorme esigenza di tagli che, spesso, sono lineari e non guardano con attenzione alle singole esigenze, mettono a rischio la salute dei cittadini.

Dopo la manifestazione sono rimasto, e insieme al dott. Tessitore ho fatto un giro in tutta la struttura. Ho potuto notare la bellezza e la cura con cui viene tenuta la struttura. Come ho potuto notare la professionalità di chi ci lavora, che offre con amore e professionalità assistenza ai pazienti. Villa dei Cedri è un centro che non può fermarsi, offre assistenza ad un bacino numeroso di pazienti, che tocca l’interno agro aversano, la provincia di Caserta e del napoletano.  La politica si faccia carico di risposte immediate che vanno a sostegno dei bisogni dei disabili, e non guardi con arroganza solo ai bisogni di cassa che spingono a scelte infelici. Si tagli dove si può tagliare, e non certamente sulla salute dei cittadini.