Ven. Ott 7th, 2022

ROMA – Per colpa di Berlusconi, Prodi, Monti e Renzi, il mese di giugno è diventato il mese dell’inferno. In questo mese gli italiani sono alla canna del gas, non sanno come procedere, poiché ogni giorno si vedono arrivare a casa bollette comunali, scadenze come Imu ed altre bazzecole, le tasse governative, insomma, arriva il caldo estivo e pure il caldo delle tasse.

Purtroppo c’è da evidenziare che nonostante gli italiani non hanno soldi o magari con quel poco che guadagnano riescono a malapena a pagare luce e gas e mettere un piatto sulla tavola, gli affaristi del condominio Montecitorio, perlomeno quelli che ci sono stati fino a qualche mese fa, continuano a chiedere tasse su tasse.

È vero, il nuovo governo ha promesso la riduzione delle tasse e una programmazione economica capace di ridare vigore al paese, ma prima che ciò accade, gli italiani continuano a tentoni ad andare avanti. Proprio il mesi di giugno, d’altronde come quello di dicembre, rappresentano per gli italiani un crocevia molto difficile da percorrere. Le tasse da pagare sono tante, l’affanno quotidiano sta distruggendo psicologicamente i cittadini, che non sanno come districarsi dalla monta di richieste di pagamento.

Tutti si augurano che dopo il tormento dei governi Berlusconi, Prodi, Monti e Renzi, si possa riconquistare un po’ di serenità, poiché è diventato insopportabile il peso delle tasse, soprattutto quando non c’è lavoro e i governi precedenti hanno demolito la politica sociale a sostegno dei più deboli.