Dom. Dic 4th, 2022

POLIGNANO A MARE -Simone Caredduè il vincitore della prima tappa del I Campionato Italiano di Hydrofly 2018a Polignano a mare, promosso dalla F.I.M-Federazione Italiana Motonautica, Be free e Comune di Polignano. Sardo, già campione 2017 e un campionato del mondo all’attivo, Caredduha convinto la giuria, spuntandola nella finalissima di domenica seranonostante un infortunio muscolare segnalato nel corso di un’evoluzione. Salgono sul podio anche Benny Passuelo e Mattia Lancia; quarto classificato, Andrea Salamina. Il campionato prosegue con la tappa diBrindisi, dal 29 giugno al 1 luglio.

Un evento importante, la tappa del Campionato HydroflyFimdi Polignano, che segna un passaggio decisivo per questo giovane sport sempre più apprezzato, riconosciuto come nuova disciplina sportiva dal Coni nel 2015, che sfrutta una moto d’acqua ed un apparato jet collegato ad un tubo, per consentire a chi indossa le scarpe da wakeboard, e con la giusta pressione, di effettuare evoluzioni acrobatiche ed idrodinamiche sull’acqua.

“Fino allo scorso anno il campionato italiano di Hydrofly era inserito all’interno del Campionato di Aquabike e vedeva la presenza di pochi partecipanti, mentre per il primo anno questo sport, ancora poco diffuso ma sempre più amato, è stato protagonista di una tappa esclusiva, triplicando il numero dei piloti iscritti rispetto al campionato a tappa unica dell’edizione 2017”, spiega Anna Rita Zonno, Presidente Be Free. “Siamo fieri di aver acceso i riflettori sull’Hydrofly e fieri della nostra regione che si impone come hub internazionale degli sport acquatici”, sottolinea Zonno, che nel corso delle premiazioni ha voluto ringraziare Vincenzo Iaconianni, presidente FIM, Giorgio Viscione, Presidente Commissione Italiana Moto d’Acqua, il Sindaco di Polignano, Domenico Vitto, la Consigliera con delega al turismo, Arianna Liotino e Renèe Tricase, presidente Asd Racing Show.

Per gli appassionati degli sport acquatici, le emozioni continuano con la prima tappa dell’Aquabike world championship, il campionato del mondo di moto d’acqua,dal 25 al 27 maggio a Gallipoli. La città salentina si trasformerà nel tempio internazionale delle moto d’acqua, start di una competizione mondiale che proseguirà con le tappe di Olbia, Nansha (Cina), Shangai, Dubai e la finale di Sharjah. La tappa salentina, Cerimonia d’apertura del Campionato del mondo di Aquabike, è un evento promosso daUim-Union internationalemotonatique in collaborazione con H20 Racing, Federazione italiana motonautica e Be free. Tre le categorie previste:Runabout Gp1 e Sky Gp1 (maschili) e Sky Gp1 ladies (femminili) e lo spettacolare Freestyle.