Ven. Mag 20th, 2022

Si può gridare ad alta voce che i sindaci hanno fatto più di quanto abbia fatto il governo. Sono stati i primi ad attivarsi per mettere in sicurezza le proprie comunità. Non ci sono colori politici, tutti hanno agito in difesa dei propri cittadini. Nelle ultime ore i sindaci stanno cercando anche di sostenere chi in questo momento, non potendo uscire a lavorare, e in difficoltà economica e non ha i soldi per fare la spesa.

Molti sindaci si stanno già attivando per cercare di sostenere le tante famiglie cadute in disgrazia per colpa del coronavirus. È un primo sforzo, ma non basta. Non hanno le casse strapiene, anche perché i tanti tagli agli enti locali hanno indebolito le casse comunali. Quindi i sindaci non possono sostenere a lungo il peso della crisi sociale. È un nuovo fronte di questa epidemia che non può essere sottovalutato. Sono tante le associazioni e soggetti che si stanno attivando per far arrivare viveri a chi non può acquistarli. È lo spirito sociale che anima chiunque a dare una mano. Ma non è sufficiente per reggere a lungo termine. Ora deve intervenire lo stato sulla scia del reddito di cittadinanza, creare da subito una scheda alimentare che consente alle famiglie in difficoltà di poter andare a fare la spesa. I sindaci stanno facendo quello che possono, ora tocca allo stato fare il massimo per garantire a tutti un piatto a tavola.