Mer. Lug 6th, 2022

ROMA – Non hanno più argomenti, eppure vogliono continuare a dettare leggi a chi ha vinto le elezioni dopo che loro le hanno perse per demeriti governativi. Le sinistre sono scomparse, però non si accorgono di non parlare più a nessuno. Il popolo italiano non li vuole, peggio ancora, non li ascolta.

Le sinistre e il PD continuano a toppare sull’immigrazione. Un argomento, questo, che ha portato il popolo italiano all’esasperazione, poiché l’invasione è stata evidente ma, soprattutto, il lucro che gira intorno all’immigrazione è talmente forte che non bisogna perderlo in nessun modo: sono troppi i miliardi di euro che girano introno all’immigrazione e fanno gola a molte persone. Come disse mafia capitale: si guadagna più della droga.

Non esistono ricette di destra o di sinistra per guarire un dramma epocale. L’immigrazione sta diventando un punto dolente dell’era moderna. Questi disperati di sciuro non vogliono fuggire dalle proprie terre. Vogliono restare lì dove sono nati e cresciuti, ma nessuno li aiuta a restare. La fuga dall’Africa verso l’Europa, come dall’Asia o dal Messico verso gli Stati Uniti sono il frutto di una gestione fallimentare della globalizzazione. Dopo la fine della seconda guerra mondiale fu varato il piano Marshall, con cui furono destinati giganteschi aiuti agli stati, per evitare fughe in massa dai paesi che avevano perso la guerra. Allora l’Europa e il Giappone erano distrutti e gli Stati Uniti non avrebbero fermato neppure con le cannonate una nuova ondata di profughi dal Vecchio continente.

Nel mondo ci sono stati quindi già dei precedenti, possibile che oggi non si riesce a fermare questa marea umana che continua a cercare rifugio dove ormai la situazione è diventata impossibile. Soprattutto c’è da evidenziare che dietro queste fughe ci sono uomini senza scrupolo che vogliono lucrare sui guai altrui. Un filtro che costa, e che se non guadagna sotterraneamente dagli Stati, guadagna illegalmente dai mercati di uomini. Un giro di affari, come detto, di svariati miliardi di euro, che nulla c’entrano con l’aiuto umanitario nei confronti di persone in difficoltà. Gli immigrati vanno aiutati a non fuggire, a restare nei loro paesi di appartenenza conquistando la libertà che hanno perso attraverso guerre, terrorismo e dittature.

Le élite mondiali evidentemente nascondono la natura del dramma e gli scopi che ci sono dietro questo flusso continuo di persone verso le sponde italiane. Un flusso che va fermato in qualunque modo, con le buone o con le cattive, pur di arginare un fenomeno di portata apocalittica. L’immigrazione non può essere uno strumento di propaganda politica come hanno fatto finora le sinistre e il PD.  Perché anche in Italia, se non soprattutto in Italia, criminali fanno affari d’oro, e contro i quali Salvini ha tutte le ragioni del mondo per impegnare con ogni sforzo il Viminale. Le sinistre hanno portato avanti politiche becere sui migranti, invece di chiedere a gran voce di fermare tutto andando a chiudere le dittature che hanno generato guerre e, di conseguenza, le fughe di massa. Scappano in migliaia, ma nei loro paesi restano in milioni a soffrire le pene amare, per chi resta non si fa nulla. Si usa il buonismo solo per chi riesce a giungere in Italia, pagando parecchi soldi agli scafisti, ma nessuno pensa a chi resta a soffrire carestia, fame, torture. Ecco, il buonismo delle sinistre e del PD sono falsate da una realtà ben diversa. Chi resta muore. Poi è impensabile che tutta l’Africa e il Medio Oriente possa entrare in Italia, non c’è spazio per tutti, e questa è una realtà.