Mar. Ott 4th, 2022

NAPOLI – «Confido nella sensibilità del sindaco nel proclamare il lutto cittadino per la tragica scomparsa di un onesto lavoratore, figlio della nostra martoriata città: Salvatore Muro; l’operaio 35enne che, purtroppo, dopo due settimane di agonia, è spirato nel reparto Grandi ustionati del Cardarelli».

A dirlo è Amedeo Laboccetta, vice coordinatore campano di Forza Italia.

«Un uomo perbene che lascia moglie e figlia di cinque anni – prosegue Laboccetta – a causa di un maledetto incidente sul lavoro nel porto di Napoli. Una fatalità inconcepibile nel XXI secolo, all’interno di uno dei più grandi scali marittimi d’Italia e d’Europa. Una disgrazia che sconvolge e addolora».

«Gli amici del quartiere Mercato e il consigliere della locale Municipalità Ciro Cinquegrana mi hanno segnalato la storia di questa famiglia a cui l’Amministrazione comunale può e deve dare una mano. Sensibilizzando la società, che aveva assunto il povero Salvatore per appena un mese, ad offrire un lavoro alla vedova oppure assumendola essa stessa direttamente. Perché non si può lasciare in uno stato di abbandono una giovane donna e la sua figlia – aggiunge il vice coordinatore azzurro –. Il sindaco de Magistris è chiamato a una prova di grande delicatezza in questo momento. Spero che la vicinanza dell’Amministrazione comunale alla famiglia Muro non si risolva solo con la proclamazione del lutto cittadino, che pure sarebbe un primo segnale, ma che si concretizzi in un aiuto materiale ben più sostanzioso».