Mer. Feb 28th, 2024

Ci sono troppi vincoli che sta dettando agli stati membri. Ora parte una lettera d’infrazione nei confronti dell’Italia per quanto riguarda la caccia. Nello specifico, secondo l’Europa, non ci sono conformità in atti nazionali con la legislazione Ue su norme caccia.

Bruxelles ha riscontrato che “diversi atti legislativi italiani non sono conformi alla legislazione dell’Ue”, in particolare nei riguardi della direttiva Uccelli, che mira a proteggere tutte le specie di uccelli selvatici e i loro habitat, e del regolamento Reach, che “limita l’uso di pallini contenenti piombo” per “proteggere gli uccelli acquatici, l’ambiente e la salute umana”.

Il regolamento Reach limita l’uso dei pallini al piombo al fine di proteggere gli uccelli acquatici, l’ambiente e la salute umana. Norma introdotta a livello europeo nel 2021 con il divieto di utilizzare, a partire dal 2023, munizioni al piombo nelle zone umide. E che ha portato ora all’apertura della procedura d’infrazione e all’invio di una lettera di messa in mora che chiede a Roma di fornire risposte convincenti ed esaustive entro due mesi.