Mar. Ago 9th, 2022

ROMA- Si avvicinano le elezioni amministrative, Renzi sa di perdere in gran parte dei comuni dove si vota, quindi sta cercando di correre ai ripari facendo una nuova mossa alla ottanta euro. Ed ecco che il ministro Poletti annuncia una bella paghetta ai meno ambienti sostituendo quel reddito di cittadinanza tanto invocato dal M5S. L’annuncio arriva dalle colonne di Repubblica e parla di 320euro mensili da destinare a chi accetta un piano per l’inclusione sociale. Cioè, il reddito minimo andrà solo a chi accetta le offerte di lavoro, se lo trova però, e si sottopone a corsi di formazione, quelle per intenderci che stanno prevalentemente in mano ai sindacati e associazioni di sinistra e non servano a nulla. L’assegno che Palazzo Chigi promette di consegnare a un milione di persone in difficoltà economica è di 320 euro al mese. Una mossa sicuramente studiata a tavolino per cercare di catturare l’attenzione di chi sta in difficoltà e dopo restituirà il cambio con un bel voto.

C’è da dire che il PD è ridicolo, perché ha sbarrato la strada al reddito di cittadinanza dei Cinque Stelle, spiegando che era insostenibile e diseducativo, adesso si accinge a far partire qualcosa di molto simile. Grillo e i suoi sono folli, secondo il PD, ma poi il PD fa quello che gli altri chiedono da tempo.