Sab. Feb 4th, 2023

ROMA- L’Europa ha fallito. L’Europa unità è stata ed è una mannaia sulla testa dei popoli europei, perlomeno di quelli che fanno parte della zona euro, gli altri, quelli che sono rimasti fuori, stanno benissimo.

Dopo l’euro siamo entrati in una fase dove la democrazia è diventata autoritaria. I popoli sono stati lasciati da soli e abbandonati al proprio destino per volere di un sistema che ne ha leso la dignità. Ormai questo sentimento di abbandono echeggia un po’ dappertutto, e la sovranità nazionale ognuno al vuole difendere a denti stretti, e non farla diventare un giocattolo in mano al potere europeo.

Anche il presidente francese Macron ammonisce l’Europa: “Bisogna ascoltare la collera dei popoli d’Europa: non hanno bisogno di pedagogia ma di un progetto nuovo”. Ha detto il presidente francese parlando alla plenaria dell’Europarlamento di Strasburgo. Macron spiega che “la risposta è l’autorità della democrazia non la democrazia autoritaria” perché “viene a galla una sorta di guerra civile europea”.

Il problema principale, purtroppo, è che nessun paese europeo si sente europeo, solo i politici si sentono tali, ma i loro popoli no. Ogni cittadino lotta per difendere la propria cultura, tradizioni, e vivere i simboli nazionali. L’Europa è diversa tra popoli e popoli, ed ognuno si sente figlio della propria patria e non dell’europa. L’Europa non è e non lo sarà mai come l’America, dove il sentimento nazionalista viene prima degli stati che compongono gli stati uniti d’America. Lì è diverso, perché le culture sono uguali e la bandiera americana è una e sacra. Mentre, quella europea, non interessa a nessuno, perché ognuno difende la propria bandiera e il proprio territorio, poiché siamo nazioni singole con storie singole.