Ven. Ott 7th, 2022

Abbiamo trascorso due anni di pandemia con tante difficoltà e problemi che molti ancora si ritrovano. Ora, però, si deve affrontare qualcosa che ci ucciderà definitivamente se la situazione peggiorerà. Certamente dalla Russia non arrivano segnali confortevoli, anzi, la situazione potrebbe degenerare con rischi peggiori dell’aumento della luce e gas. Con le guerre non si scherza.

I grandi della terra invece di giocare a chi è più forte, dovrebbero aprire quel tavolo che è mancato nella guerra tra Russia e Ucraina cercando di trovare la strada migliore affinché le attività belliche cessino per sempre.

Quello che è stato fatto finora ha finito per penalizzare noi che, oggi, stiamo pagando un prezzo non più sostenibile. Ormai i commercianti sono, ancora una volta, i più penalizzati. I numeri astronomici scritti sulle bollette non mentono. Sono una realtà da cui nessuno si può sottrarre. Questi numeri portano dritti a chiusure qualora si arrivi al punto di essere impossibilitati a pagarle.

Non tutti riusciranno a pagarle, ma anche se qualcuno riuscisse a pagare una la seconda sicuramente diventerebbe impossibile. Queste bollette stanno diventando delle vere e proprie ingiunzione di pagamento, poiché le società fornitrici comunque arrivano al distacco della fornitura. La situazione non è facile nemmeno per le famiglie che devono far fronte agli aumenti di luce, gas e quelle del carrello della spesa. Bisogna considerare che ancora non siamo arrivati dentro l’inverno, che potrebbe compromettere tutto portando all’esasperazione senza precedenti famiglie e imprese.

La pandemia l’abbiamo superata, ma una situazione simile, se dura ancora per molto, non si può superare.