Gio. Set 29th, 2022

ROMA- Non c’è niente da fare: la pensione per i politici non arriva mai. Eppure dopo tanti soldi guadagnati in anni e anni di poltronismo incallito, sarebbe il caso di goderseli una volta per tutte. Invece no, all’improvviso te li vedi rispuntare sulla scena politica.

Ora l’ex sindaco di Milano, che non ha nessuna voglia di starsene a casa, corteggia l’ex Premier Romano Prodi per cercare di costruire un nuovo centrosinistra. Eppure la sinistra è deceduta in tutta Europa, l’ultimo caso in Francia. Ma in Italia non vuole saperne di ammainare le armi, ad oggi tornata elettorale per le politiche si ripresentano.

Renzi è in difficoltà, perché se veramente Prodi accettasse di guidare di nuovo il centrosinistra, per lui non resterebbe che un apparentamento con Berlusconi, o in ultima analisi fare il ragazzo di bottega di Prodi fallendo sulla sua decantata rottamazione. O è già fallita?

La sinistra è molto divisa, e forma tanti cespugli che possono avere numeri da prefisso telefonico, quindi l’unico sistema per superare i numeri negativi è mettersi tutti insieme come ai tempi dell’Ulivo, vincere, ma non poter governare, poiché le idee politiche sono troppo distanti tra di loro. Ed è storia che ogni qualvolta il centrosinistra è stato al governo non ha mai sperato i dueanni di governo.