Lun. Ago 8th, 2022

Nessuno lo vuole dire, tutti continuano ad osannare unione europea e euro, vigliaccamente, perché la verità è che l’euro ha massacrato l’Italia. Chi la osanna è falso come i soldi prodotti dai falsari: sembrano uguali ma sono falsi.

La verità è che da quando è entrato in vigore l’euro e il nostro paese è entrato nell’unione monetaria, è iniziato il nostro declino. Schiavi di un sistema che lentamente ci sta togliendo tutto. Abbiamo perso quella locomotiva che trainava il paese. Seppur lentamente, quella locomotiva si fermava a tutte le stazioni e riusciva a tenere in movimento il paese. La lire, tante volte criticata, era invece la nostra locomotiva perfetta. Con la lira abbiamo costruito tutto, con l’euro stiamo perdendo tutto.

Le nostre classi dirigenti continuano a correre dietro ad un treno che sembra ad alta velocità, ma massacra tutto ciò che gli passa davanti. Non si ferma a nessuna stazione, sfila dritto solo per arrivare a stazione a stazione in tempo, ma non raccoglie per strada i passeggeri che attendono alle stazioni. Questo è il senso dell’Europa e dell’euro: è un treno impazzito che guarda solo avanti dimenticando chi è per strada.

Con l’euro abbiamo perso il lavoro, i nostri beni, la nostra dignità di italiani, stiamo perdendo tutto, eppure i nostri governanti si comportano come se tutto continuasse ad andare bene.

Se quel treno è folle, i nostri dirigenti sono ulteriormente folli, perché non fermano quella locomotiva impazzita, anzi, la alimentano pur sapendo che sta travolgendo l’esistenza di un’intera nazione. L’euro è il nostro manifesto da morto quotidianamente affisso, perché l’euro è la morte dell’Italia.