Mar. Ott 4th, 2022

ROMA- Quando si creano motivi di ristrettezza le economie non camminano più. La frenata alla libertà è un motivo in più per togliere il potere dalle mani dei cittadini. In Italia, nelgi ultimi decenni, la politica e i suoi scellerati politici, hanno tentato ogni via per condizionare la vita degli italiani imponendo restrizioni sull’uso del contante. Una formala, secondo i politici, per combattere l’evasione fiscale. Una idiozzia in piena regola.

Solo in Italia e in Portogallo esiste un limite idiota all’utilizzo di denaro contante a 999 euro per un acquisto. Questa regola fu dapprima messa dal governo Prodi, poi tolta dal governo Berlusconi poi, successivamente, reintrodotta dal massacratore governo Monti. Una follia che non ha attenuanti visto che in Germania, in Olanda e in altri 9 Paesi europei non esiste alcun limite all’uso del denaro contante, in Slovenia è di 15.000 euro, in Danimarca di 13.000, negli Stati Uniti è di 10.000 dollari.

Questi vincoli di utilizzo del contante non fanno altro che rallentare l’economia di un paese. È un limite che mette timore ai cittadini ma, nello stesso momento, privilegia le banche che fanno affari d’oro con l’utilizzo di movimenti con carta elettronica. Bisogna togliere vincoli e ostacoli allo sviluppo dell’economia, ognuno dovrebbe poter spendere i suoi soldi come e quanto vuole. Semmai devono essere i politici a rendicontare al popolo come spendono i soldi dei cittadini.