Lun. Mar 4th, 2024

ROMA- Gli italiani avevano ben capito chi erano i veri populisti.  Non si sono lasciati incantare dalle chiacchiere dei partiti storici, coloro che hanno annientato le aspettative di una intera nazione. Leggi fatte a casaccio che non hanno portato nessun beneficio agli italiani, se non distrutti. A noi era ben chiaro che qualcosa stava per succedere. Quelli che non l’avevano capito o facevano finta di non capire, erano i populisti veri, cioè i politici dei partiti.

Ma gli italiani questa volta sono stati più furbi. Non hanno abboccato all’amo delle menzogne. Coloro che i politici storici indicavano come populisti, M5S e Lega, hanno vinto. Al palo sono rimasti i veri populisti: PD e FI. Ora il centrodestra non ha i numeri per governare da solo come ha detto finora Silvio Berlusconi. La lega è il primo partito della coalizione di centrodestra, e lei che comanda, il resto sono tutti guaglioni di bottega.

Il centrosinistra è inesistente. Il PD è crollato insieme al suo segretario. Le chiacchiere condite da menzogne del suo leader Matteo Renzi, hanno fatto ridere gli italiani. Con Renzi sono morti anche i suoi piccoli alleati: Lorenzin, Bonino. Possibile che non avevano capito che gli italiani più li vedevano in TV e più gli ridevano addosso. No, non si sono resi conto, infatti i numeri lo dimostrano.

Altra nota dolente e il forfait della ennesima neonata sinistra. Anche in questo caso nessuno credeva alla disfatta. L’Italia ormai è un paese che detesta la sinistra. È un qualcosa che nessuno vuole più. Si spera che questa sia l’ultima volta che si mettono a giocare ai vecchi comunisti. Guardate il partito comunista di Rizzo. Chi lo conosce.

L’unica certezza, che questa mattina l’Italia si è svegliata sotto le stelle grazie ad un popolo che ha saputo reagire. L’alba di oggi è solo l’inizio di un lungo percorso che deve togliere i schiaffi dalla faccia dei cittadini, dopo anni e anni di affarismo politico dei partiti storici.