Sab. Mag 21st, 2022

Nonostante gli attacchi nei confronti di Matteo Salvini anche da parte dei grillini, la Lega in Abruzzo fa piazza pulita. Il M5S ne esce con venti punti percentuali in meno. È una catastrofe. Stessa catastrofe anche per il PD, che ormai in Abruzzo ottiene la mazzata definitiva.

In Abruzzo perdono tutti quelli che fanno politiche di sinistra. Anche il risultato di Fratelli d’Italia è confortante. Il movimento è quello che più di tutti deve leccarsi le ferite. In Abruzzo è iniziata la sua caduta libera.

E da tempo che andiamo dicendo che le idee di sinistra devono uscire dal movimento. Ma si continua a fare errori su errori, e i cittadini quando vanno a votare ignorano il cinque stelle. Oggi il M5S è al governo, eppure i cittadini invece di premiarlo li castigano. Il motivo è semplice: il M5S sta sostituendo la vecchia sinistra, e come è morta la sinistra così sta morendo lentamente il movimento. Il voto del 4 marzo era solo un voto di protesta, il movimento non ha un elettorato, non è un partito strutturato, e agli elettori italiani non piacciono le idee di sinistra.