Mar. Ott 4th, 2022

CREMONA-Nella giornata di ieri la Polizia di Stato di Cremona ha denunciato un professionista in pensione per il reato di maltrattamenti di animali in quanto sorpreso mentre cercava d’infilare all’interno di una busta un gatto dopo averlo legato per le zampe e ficcatogli una spugna in bocca.

Infatti la sala operativa, il giorno 23 settembre, verso le 11:00, riceveva una segnalazione da parte di un persona che dichiarava di aver inseguito un uomo dopo averlo sorpreso poco prima per strada intento a infilare in una busta un gatto legato con delle corde il quale, vistosi scoperto, aveva cominciato a correre abbandonando l’animale e facendo perdere le proprie tracce. Gli agenti giunti sul posto verificavano che il gatto, nel frattempo liberato, era fortunatamente in buone condizioni ed era stato portato in un gattile che si trovava lì vicino. Una volta contattati i proprietari a cui veniva restituito l’animale, gli agenti raccoglievano tutti gli elementi utili a identificare l’autore del crudele gesto. Grazie agli accertamenti svolti si riusciva a individuare la persona, un vicino di casa dei proprietari del felino, la quale veniva convocata in Questura dove, messa di fronte alle sue responsabilità, ammetteva di essere lui il colpevole tentando di giustificarsi, per il suo insano gesto, con il fatto di essere stanco delle continue incursioni del gatto in casa propria e pertanto aveva deciso di sbarazzarsene.