Gio. Feb 2nd, 2023

ROMA- La sinistra credeva che intorno all’immigrazione avesse costruito un pacchetto consolidato di voti, invece si sta rivelando la mannaia che la colpirà fino a sfiancarla. L’effetto Macerata si sta ripercuotendo sul PD e su tutti quei partiti di sinistra che finora hanno sbandierato il buonismo sull’accoglienza sconsiderata.

Ora a scendere sul piede di guerra sono i sindaci Dem, che non possono più rimanere in silenzio e stanno protestando per l’arrivo di altri immigrati. Di fatti il piano di ridistribuzione dei profughi voluto dal Viminale nel 2017, solo un comune su otto ha aderito alle richieste del ministero. Il diniego è arrivato in larga misura nelle «regioni rosse», in fondo alla classifica dell’accoglienza.

Qualcosa si è inceppato nel meccanismo dell’accoglienza a tutti i costi. No perché l’Italia fosse razzista, solo perché l’Italia non può accogliere tutti, e il paese è già stracolmo di profughi e non se ne possono ricevere altri. Anche perché il costo è di svariati miliardi, e non si può sostenere.

La sinistra ha fatto diverse politiche sull’immigrazione. Ha prodotto leggi a favore dei migranti. La sinistra ha tolto agli italiani per garantire a chi arrivava da noi. Tutto ciò, in questa campagna elettorale, si sta rivelando il motivo per cui gli elettori stanno prendendo le distanze dalla sinistra.