Gio. Feb 2nd, 2023

Un bambino di un anno era finito in arresto cardiaco, i genitori non vedendolo più rispondere hanno deciso di caricarlo in macchina è correre in ospedale. purtroppo le strade di Napoli erano intasate e sono rimasti bloccati nel traffico e ogni tentativo sembra essere vano per uscire dall’ingorgo.

Una pattuglia di carabinieri della stazione di Barra ha avvertito il frastuono e visto il bimbo tra le braccia della madre, ha capito che la situazione era grave. La pattuglia non ha perso tempo, si è fatta largo con lampeggianti e sirene, mettendosi davanti alla loro auto, facendo segno di seguirli e nel mentre urlando dal finestrino alle altre macchine che si trattava di un’emergenza. In pochi istanti i militari sono arrivati nel pronto soccorso dell’ospedale Villa Betania, I carabinieri hanno scortato la madre e il piccolo all’interno, e hanno affidato il piccolo ai medici, i quali lo hanno salvato. Quando tutto sembra perduto, è arrivato il “miracolo”. Un pianto dirompente è stato il segnale del ritorno alla vita del piccolo. Per i medici “un minuto in più e sarebbe morto”. Ora il bambino si trova all’ospedale Santobono e sta bene. Per i carabinieri che hanno agevolato il suo salvataggio è stata un’esperienza emozionante. Attimi di paura per la sorte del piccolo che i due militari hanno vissuto restando al fianco dei genitori anche durante l’intervento dei medici, per poi apprendere che il bimbo era fuori pericolo. Nel complimentarsi con i militari intervenuti in soccorso, il sindaco rivolge gli auguri “a questa famiglia che ha ricevuto il primo e più importante regalo di Natale”.