Mer. Feb 8th, 2023

CHIETI – La storia è accaduta nel Liceo Scientifico di Chieti, dove un ragazzo è stato bocciato dal consiglio di classe. La bocciatura è arrivata nonostante il disaccordo tra i professori; solo 3 docenti su 7, però, si sono pronunciati a favore dell’ammissione dello studente, mentre la maggioranza ha votato per la non idoneità del ragazzo di poter sostenere l’Esame di Stato. La notizia, riportata da Il Messaggero, è stata rilanciata dal sito Skuola.net. Il ragazzo si è opposto e ha chiesto l’aiuto dell’avvocato Michele di Toro il quale, interpellando il TAR, ha dimostrato come questo provvedimento dovesse essere definitivamente annullato. Gli stessi professori hanno spiegato nel verbale che si è arrivati a questo provvedimento in quanto lo studente non dispone neanche in minima parte dei requisiti e della preparazione richiesta. A riprova di ciò hanno presentato la lista delle insufficienze del giovane: 4 in Latino ed in Fisica e 5 in Italiano e Matematica.

In seguito a queste evidenze è accaduto il vero e proprio colpo di scena: lo studente è stato ammesso agli esami, anche se con qualche riserva. Questo risultato è stato possibile grazie all’intervento dei giudici del Tribunale di Pescara. Così, dopo tante battaglie, il giovane studente ha potuto prendersi la sua rivincita. In più, dopo l’ammissione all’esame, lo studente è riuscito anche a superarlo con molta soddisfazione. Nonostante ciò, il Tribunale è intervenuto ulteriormente dopo aver preso visione delle prove, e ha stimato che queste fossero migliori di quanto non dichiarato dagli scrutini finali. Il lieto fine come risulta chiaro è che il diploma conseguito dal giovane è valido a tutti gli effetti.