Lun. Nov 28th, 2022

Invece di venire incontro alle esigenze di famiglie e imprese sopraffatte dall’aumento di luce e gas, le società erogatrice mettono a serio rischio le esigenze di famiglie e imprese. Siamo veramente allo sfacelo. È ormai sempre più certo che il caro-bollette potrebbe lasciare molte famiglie senza luce e gas. Come riporta il Paragone .it, “le richieste di aiuto arrivano ogni giorno da tutta Italia ai consumatori: gli operatori dell’energia hanno stretto le maglie e adesso passano subito alle maniere forti. Se prima delle crisi adottavano accorgimenti come l’invio di un sollecito e il «depotenziamento» della rete, adesso – denunciano le associazioni – passano subito alla messa in mora, con il successivo, possibile, distacco della fornitura. Il tutto in tempi rapidi: dal quarantunesimo giorno dalla scadenza della bolletta non pagata e senza che arrivi il tecnico a casa, il taglio delle forniture si fa scattare direttamente dalla sede del distributore. “Se prima gli operatori dell’energia con i propri clienti utilizzavano la piuma adesso sono passati alla frusta – racconta Furio Truzzi, presidente di Assoutenti –. In pratica, nella, gran parte dei casi, hanno abbandonato tutti quegli accorgimenti con cui trattavano i clienti che non pagavano con puntualità”. I casi che potrebbero finire nel mirino già nelle prossime settimane sono davvero tanti.