Ven. Set 30th, 2022

Il tribunale dei ministri ha messo nero su bianco che la linea del leader leghista non solo è lecita ma dovrebbe anche essere rispettata a livello europeo. Sebbene la responsabilità di assegnare un “porto sicuro” all’imbarcazioni, che trasportano gli immigrati prelevati in mare, tocchi allo “Stato di primo contatto”, le indicazioni ricavate da Convenzioni e accordi internazionali stabiliscono che “lo Stato di primo contatto non può che identificarsi in quello della nave che ha provveduto al salvataggio”.
Pertanto non spetta all’Italia farsi carico delle organizzazioni non governative che continuano a bussare alle loro porta. Nel caso della “Alan Kurdi”, che dopo il “no” di Roma si era diretta a Malta, ha dunque fatto bene Salvini a bloccarla visto che l’imbarcazione batte bandiera tedesca.